Blog

Linux Day 2009 a Pisa

Ott 15

Anche quest'anno come di consueto si svolge il Linux Day, la giornata nazionale del software libero e di GNU/Linux nello specifico, organizzata da ILS. Ogni LUG d'Italia organizzerà l'evento secondo le linee guida dettate da ILS ed in particolare il GULP gestirà l'evento a Pisa.

Post imageCome lo scorso anno parteciperò al Linux Day di Pisa in qualità di relatore ed in particolare presenterò un po' degli utilizzi del Wiimote su GNU/Linux. il talk sarà quasi completamente dimostrativo insieme ad una piccola introduzione sulle caratteristiche tecniche del controller di casa Nintendo.

Il programma della giornata lo potrete visionare sul sito web creato appositamente per l'evento (da me realizzato) insieme a tutte le informazioni sull'helpdesk offerto la mattina e sulla partecipazione di scuole e pubbliche amministrazioni.

La novità di quest'anno è la tavola rotonda in cui vari esponenti di un dato ambito informatico si mettono a discutere su un dato argomento che per l'edizione 2009 è "Open source, una ricchezza per il business?".

Coordinate evento: Dipartimento di Informatica, Largo B. Pontecorvo 3, Pisa.

DIASPORA* Facebook

Cercasi relatori per il Linux Day 2009 di Pisa

Set 13

Il GULP ha da poco pubblicato la Call for Papers per proporre gli interventi che saranno tenuti al Linux Day 2009 del 24 ottobre presso il Dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa.

Call for Papers

In preparazione del Linux Day 2009 il GULP (Gruppo Utenti Linux Pisa) ha aperto la Call for Papers per gli interventi che si svolgeranno durante la giornata di sabato 24 ottobre 2009.

Sono previste due tipologie di interventi:

  • talk tradizionale (30 minuti)
  • talk lampo (15 minuti)

Il talk tradizionale è un intervento di circa trenta minuti, in cui il relatore (o i relatori) parlano diffusamente dell'argomento scelto e rispondono alle domande dei presenti.

Il talk lampo è un breve intervento, della durata di quindici minuti e consiste in una concisa e folgorante presentazione di un argomento. I talk lampo offrono "assaggi" di applicazioni, realizzazioni, concetti e lasciano la gioia dell'approfondimento all'ascoltatore. :)

In entrambi i casi è possibile avvalersi del supporto di un videoproiettore per mostrare lucidi o dimostrazioni di applicazioni, realizzazioni e concetti.

La scelta dei contenuti per gli interventi è libera purché attinente allo spirito e alle finalità della manifestazione e purché non siano stati presentati nelle scorse edizioni pisane del Linux Day.

Cosa chiediamo ai relatori

I relatori dovranno spedire al Gruppo Utenti Linux Pisa (all'indirizzo linuxday2009@gulp.linux.it) una breve descrizione (circa 10 righe) dell'intervento proposto, entro e non oltre il giorno 29 settembre 2009.

Oltre alla descrizione i relatori dovranno indicare la tipologia della presentazione ("lampo" o "tradizionale"), il livello di difficoltà (principiante o avanzato). Nel caso ci siano particolari esigenze è possibile organizzare stand; in questo caso i relatori dovranno comunicare, il prima possibile, le proprie necessità all'associazione che provvederà a concordare le modalità di svolgimento dello stand. Per i seminari sono disponibili ampie aule con proiettore e collegamento a Internet.

I relatori sono inoltre invitati ad inviare agli organizzatori i materiali relativi agli interventi (abstract, slides, software, risorse online etc) almeno tre giorni prima del Linux Day (ossia entro il 21 ottobre 2009).

La lista definitiva degli interventi accettati e l'agenda verranno comunicati dall'associazione agli interessati entro il 5 ottobre 2009.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni e chiarimenti i relatori possono contattare privatamente gli organizzatori del Linux Day all'indirizzo linuxday2009@gulp.linux.it. Tuttavia, i relatori che lo desiderassero possono anche discutere pubblicamente e chiedere pareri in merito alle loro proposte sulla mailing list pubblica del GULP gulp@gulp.linux.it, rimanendo comunque agli organizzatori del Linux Day la facoltà di accettare o meno le proposte formulate.

DIASPORA* Facebook

Linux Day 2008 (Pisa)

Ott 22

Anche quest'anno come di consueto è fissato il Linux Day in quasi tutte le città italiane il 25 ottobre '08. A Pisa si terrà al Dipartimento di Informatica in via Buonarroti 2, il tutto gestito dal GULP, il LUG di Pisa. La mattina si svolgerà sia l'help desk che l'install party (di cui si consiglia caldamente la registrazione) e in aggiunta verrà fatto un piccolo talk sul software libero e una dimostrazione di Ubuntu 8.04 alle scuole medie superiori. Il pomeriggio invece saranno presenti i soliti talk il cui programma lo potete trovare qui.

Post image
Io sarò presente tutto il giorno tranne (ahimè) la sera, anche perché terrò il talk della mattina alle scuole, quello sulle GTK con Glade e presenterò qualche applicazione come Amarok, gtwitter, Screenlets e quello che mi verrà in mente da esporre in dieci minuti scarsi.

Chi viene a Pisa?

DIASPORA* Facebook

[no133] 9 Ottobre - Manifestazione per Pisa

Ott 10

Post imageIeri il nostro ateneo ha avuto l'onore di avere ospite il Ministro Gelmini alla Scuola Normale... noi c'eravamo per farci vedere o sentire, peccato che non è servito a nulla. Non siamo stati ascoltati.

Ieri pomeriggio 9 Ottobre 2008 alle ore 15 si è invece svolta la manifestazione generale dell'ateneo e delle scuole elementari (vedi Germini, maestro unico e co.). Abbiamo fatto il giro dei lungarni per poi "morire" in piazza dei Cavalieri. Ci siamo fatti sentire, un po' come mercoledì ma oggi un po' più forte.

Non ho molto da scrivere, potete leggere i due interventi precedenti sulla questione.

Post image

Vi lascio ancora l'invito di guardare le foto e commentare pacatamente.

PS. si sta sviluppando un'interessante discussione nel primo articolo relativo alla protesta.

EDIT: Se avete foto o video unitevi a questo gruppo su Flickr: http://www.flickr.com/groups/no133/

DIASPORA* Facebook

[no133] 8 Ottobre - Piazza dei Cavalieri (Pisa)

Ott 10

Ieri in piazza dei Cavalieri a Pisa si è svolta l'assemblea di Ateneo riguardo la legge 133. Avrebbe dovuto svolgersi al polo Carmignani (adesso occupato) ma ovviamente eravamo troppo stretti e molte persone (più della metà?) erano rimaste fuori. Quindi l'assemblea si è svolta regolarmente in piazza e devo dire che eravamo davvero tanti, i giornali hanno dato anche 3 mila persone, mi pare un po' esagerato, però sui mille eravamo. E ciò vuol dire che il lavoro di informazione in queste settimane ha portato i propri frutti e c'è apprensione per il tema.

Post image

Nell'assemblea si sono ricalcati i soliti punti di questi giorni, discorso fondazioni, turn over, precariato ricercatori, diritto allo studio, forme di protesta ecc. Di certo non sono mancati aizzatori di folle e soliti discorsi demagoghi, ma certo è che questo è un grave problema sorto nell'indifferenza di molti tra onorevoli e cittadini. E soprattutto apolitico.

Post image

Continua a leggere »

DIASPORA* Facebook

Protesta contro parte della legge 133

Ott 8

Avete presente 'Università Statale di Milano? Bene, fate conto di non vederla più: il taglio di 456 milioni di euro al finanziamento dell'Università deciso dalla legge 133 è equivalente alla completa scomparsa di una delle più grandi Università italiane.

Post imageIl blocco del turn over al 20% per cinque anni, ovvero un solo neoassunto ogni 5 pensionamenti, impedirà la possibilità di mantenere una didattica di qualità, con la chiusura di corsi di insegnamento. Per l'Ateneo di Pisa si prevedono circa 300 pensionamenti.

L'impossibilità di rinnovare la classe docente impedirà inoltre il ricambio generazionale, precludendo a un'intera generazione la carriera universitaria, mentre la folla dei precari senza speranza si ingrandirà sempre più. Quale la soluzione prospettata dal governo per sopravvivere? La trasformazione in fondazioni private.

Avete capito bene, ciò significa l'addio, in Italia all'università pubblica e la privatizzazione limiterà la libertà di ricerca che sarà prevalentemente indirizzata dalle grandi aziende.

Il contributo da parte degli studenti potrà essere aumentato liberamente dalle fondazioni private (avete presente quanto costa iscriversi a un college americano?), e l'Università di qualità per tutti resterà solo un ricordo.

Post image

Continua a leggere »

DIASPORA* Facebook
CC BY-NC-SA 3.0 2004-2012 Daniele Napolitano — Per informazioni sulla licenza leggere le Note legali
Torna su