Blog

Cosa c'è da migliorare nel mondo GNU/Linux

MI sono fatto una idea di alcuni aspetti da migliorare nelle distribuzioni GNU/Linux per avere un sistema pronto out-of-the-box e usabile in ambienti lavorativi.

  • Gestione SmartCard. Nelle pubbliche amministrazioni si sta diffondendo la firma eletronica per mezzo di SmartCard e mentre su Windows XP basta collegare il lettore e basta, su Linux esistono più di un programma per la gestione del lettore e per la gestione delle varie codifiche delle SmartCard, insomma, un macello! Quello che serve è un unico sistema che gestisca il lettore e dia una interfaccia unica per la gestione delle varie codifiche di schede, il tutto interfacciato con HAL (o il futuro DeviceKit) così da essere usato con semplicità da qualunque programma.
  • Periferiche di gioco. Non si capisce più a chi fare riferimento per gestire i vari controller HID individuati come joystick. Il nuovo driver evdev pare segna tutto come mouse, infatti su HAL abbiamo che un joystick ha come capability input.mouse. Ora se io faccio un gioco come faccio a rilevare se un joystick è stato inserito mentre il gioco è già in esecuzione? Inoltre i device indicato da HAL non è accessibile con i normali diritti di utente ma richiede l'utente root, ed è giusto altrimenti potremmo fare keylogger a randa! Poi vengono create le interfacce /dev/input/js0-9, ma che mi avverte di ciò? Nessuno. Devo andare io manualmente a scansionare la cartella ogni poco e caricare il tutto. In definitiva per accedere ai joystick esiste, evdev, il driver joystick e libjsw (libreria orfana che comunque usa il driver joystick ma almeno non si deve usare le ioctl.
  • D-Bus. Rendere la creazione di un server D-Bus in C più semplice, sarò duro ma non ho ancora capito come esporre dei metodi e segnali sul bus. Non si poteva fare qualcosa di semplice come la connessione dei segnali in GTK+?
  • Gestione dei livelli audio. Adesso abbiamo 3 o 4 livelli di volume per una sorgente, volume interno dell'applicazione, volume di PulseAudio per lo stream dell'applicazione, volume PCM e volume generale. Un po' troppi mi pare. Intanto un volume potrebbe essere tolto quando l'applicazione si connette a Pulse Audio regolando direttamente il volume di PulseAudio, in questo modo rimangono sempre due slider ma almeno regolano lo stesso stream. Anche il volume PCM andrebbe tolto, facendo gestire tutti gli ingressi da PulseAudio. Peccato che tutto quanto probabilmente sarà accente da Ubuntu Jaunty e, secondo me, creerà panico tra gli utenti che non capiranno una mazza dove regolare l'audio.
  • Supporto ai dispositivi WiFI 802.11n. Non ci siamo proprio, al momento dei lavori non esiste una scheda PCI o USB che collegata a Linux funzioni subito. Quando va bene occorre scaricare dei driver, compilarli e installarli, così da avere il modulo giusto. Quando va male occorre andare nel sorgente per modificare il driver, e magari una volta creato il modulo non supporta manco alcune feature del protocollo. E la situazione rischia di essere identica con Jaunty. Il problema è stata la rapida diffusione sugli scaffali dei negozi di apparecchi compatibili con la seconda bozza del protocollo 802.11n che dovrebbe garantire fino a 300Mb/s quando va bene. Alcune volte i driver open ci sono, vanno solo inclusi nel kernel...
  • X.org. Al momento il server grafico predefinito di ogni distribuzione GNU/Linux è la più grande limitazione per la reattività del sistema, i metodi che i vari toolkit grafici usano per velocizzare alcune funzioni di disegno sono quelli di scavalcare il server grafico per usare direttamente la scheda grafica, quindi o qualcuno riscrive X.org oppure occorre un nuovo server grafico più performante.
  • Meno divisioni e meno seghe mentali. Il concetto è semplice, evitare di reinventare la ruota e non crogiolarsi troppo su questioni etiche. Vedi come la nuove licenza GPLv3 limita in modo considerevole lo sfruttamento commerciale del software libero.

E voi cosa ne pensate? Siete d'accordo con i punti elencati o ne aggiungereste altri?

Articoli correlati

DIASPORA* Facebook

Pubblicato il 16 febbraio 2009 da e letto 2086 volte.

Link di trackback

Abbonati al feed RSS. Se non sai cos'è guarda qui.

Abbonati alla newsletter per ricevere via email ogni nuovo articolo pubblicato. L'indirizzo verrà gestito da FeedBurner.

Dai il tuo parere: Commenta questo articolo!
2 commenti su Cosa c'è da migliorare nel mondo GNU/Linux
  1. pinzia dice:

    so che è un articolo vecchio ma lo leggo solo ora.
    Sono più che d’accordo su tutto, sull’ultima in particolare (collegata anche con i joystick e le smartcard) segnalerei l’uso di 1 tipo di libreria per ogni cosa e non la creazione di mille software diversi per fare la stessa cosa (ad esempio gstreamer e xine ecc...per audio e video, oppure opensc muscle ecc per le smartcard), se proprio si è indecisi su cosa usare fare un layer generico (alla phonon) così da poter poi scegliere cosa è meglio usare (amarok 2 per esempio usa un backend sql generico senza dover per forza decidere tra sqlite e mysql). Altoa punto importante collegato col precedente: fare i programmi a più livelli, fare una base comune e poi le varie interfacce separate (amsn2 oppure i vari software python presenti in ubuntu e kubuntu [restricted manager/jockey ad esempio); era una pratica comune prima: far il software di base usabile da console e poi aggiungere (a discrezione dell’utente) la parte grafica. Non facciamo come windows dove spesso non è possibile usare il software nemmeno in modalità provvisoria, perché lo schermo è solo a 256 colori.

    Ciao e grazie

    martedì, 8 settembre 2009 alle 0:32
  2. DnaX dice:

    Già da quando ho scritto l’articolo alcune cose sono cambiate, il supporto ai chipset 802.11n è migliorato notevolmente, infatti nella nuova Ubuntu 9.10 saranno disponibili molti driver aggiornati per le nuove schede come la mia Netgear WN111v2.

    Anche X.org grazie alle nuove tecnologie si sta risollevando, ne avevo parlato qui: http://dnax.netsons.org/xorg-perche-con-molti-problemi

    Riguardo i joystick, vedo se finisco il nuovo Joystick Calibrator e vedo come DeviceKit, il sistema che rimpiazzerà HAL, gestirà questi dispositivi di gioco.

    Per le SmartCard è ancora uno schifo, nessun software è ben integrato e non c'è una GUI decente per gestire i lettori. Un bug che inviai tempo è ancora irrisolto: https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/acr38/+bug/331283.

    martedì, 8 settembre 2009 alle 15:02
Lascia un commento

CC BY-NC-SA 3.0 2004-2012 Daniele Napolitano — Per informazioni sulla licenza leggere le Note legali
Torna su