Finalmente Firefox con le notifiche di Ubuntu

Una caratteristica da sempre criticata a Firefox è la sua scarsa integrazione col resto del sistema. Il caso più visibile è la notifica dell'avvenuto scaricamento di un file.

L'ambiente desktop GNOME ha le sue notifiche di sistema, recentemente sostituite su Ubuntu con Notify OSD, le quali sono ben integrate nel sistema e sono soggette alle impostazioni usate come carattere e risoluzione. Tutte le applicazioni scritte per GNU/Linux (e non solo, vedi openSolaris) usano tali notifiche per segnalare gli eventi all'utente. Una domanda sorge spontanea, perché Firefox si ostina a non usarle? Probabilmente a causa di discutibili scelte interne a Mozilla visto che nemmeno sotto Windows usa il sistema di popup nativo.



Questo è il risultato che vogliamo ottenere


Per permettere a Firefox di utilizzare le notifiche di sistema (libnotify) invece delle proprie, è disponibile una estensione adhoc, FirefoxNotify.

Basterà installare tale estensione per notificare l'avvenuto download di un file con il sistema di notifiche attualmente in funzione, che sia Notify OSD o notification-daemon.

Chromium in italiano su Ubuntu

Post imageCome già ampiamente discusso in rete Chromium è la "versione" open source di Chrome. Su GNU/Linux ormai funziona egregiamente da tempo, pur trattandosi di una alpha release, inoltre è molto facile installarlo tramite il repository PPA ufficiale aggiornato ogni giorno con i vari sviluppi del browser di casa Google.

Non illustrerò come installare Chromium vista la grande mole di articoli fotocopia e vista la semplicità dell'operazione. Quello che voglio dirvi è come avere Chromium in lingua italiana.

Se avrete seguito le guide tramite repository PPA l'unica cosa da fare è installare questo pacchetto:

sudo apt-get install chromium-browser-l10n

Riavviate Chromium se in esecuzione e godetevelo localizzato.

X.Org, perché con molti problemi?

Lo so che potrei risultare ripetitivo o cadere in luoghi comuni ma questo è un dato di fatto: X.Org, l'attuale architettura software per la gestione di tutto ciò che viene mostrato a video è fatiscente e per certi versi sta bloccando Linux sui desktop.

  • Tutte le volte che ci lamentiamo perché Flash è lento in molti casi è a causa di X.Org.
  • Tutte le volte che ci chiediamo perché sto cavolo di Compiz non funziona è per colpa di X.Org.
  • Tutte le volte che ci lamentiamo perché sul portatile la risoluzione più di 800x600 non va è per colpa di X.Org.
  • Tutte le volte che ci chiediamo perché un gioco o una finestra in 3D fa a cazzotti con il resto dello schermo è per colpa di X.Org.


Dopo questa carrellata di problemi che fanno passare la voglia di utilizzare Linux ad alcuni e fanno incuriosire altri, vediamo come siamo arrivati a questo punto, constatando però di avere fatto molti passi avanti rispetto ad anni fa.

Post image

Continua a leggere »

Perché ancora con la storia di Wicd?

Solo una domanda... dal momento che esiste NetworkManager 0.7 perché molti continuano a consigliare Wicd?

Ok, lo ammetto, prima della release 0.7 avevo anche io qualche problema, ma non è che con Wicd risolvevo subito. Adesso Wicd mi pare proprio che sia ridondante. NetworkManager ha invece una interfaccia completa e permette di effettuare molte configurazioni diverse. Gestisce in modo ottimale molti modem 3G ad esempio.

Insomma perché qualcuno dovrebbe disinstallare NetworkManager per mettere Wicd?

Rendere Plug'n'Play gli adattatori USB-IrDA

Post imageL'attuale implementazione IrDA su Linux fa abbastanza pietà, forse perché è ormai una tecnologia in disuso e lo sprint che ha invece avuto il Bluetooth o i dispositivi mtp è mancato alle periferiche IrDA. Su Debian e Ubuntu, come nelle altre distribuzioni, il pacchetto che contiene tutto il necessario per far funzionare lo stack IrDA del kernel è irda-utils. In particolare il comando che ci interessa è irattach. Detto a grandi linee, con questo comando possiamo far comunicare la periferica con il kernel. Mentre questa azione avviene automaticamente all'avvio per le interfacce integrate alla scheda madre, con gli adattatori USB questo non avviene e bisogna dare il comando manualmente.

Per risolvere questo inconveniente occorre lanciare irattach con i giusti parametri ogni volta che si collega l'adattatore, mentre è necessario terminare irattach quando si scollega l'adattatore. Tutto questo è possibile farlo con udev.

Queste sono le regole per fare le azioni sopra descritte:

SUBSYSTEM=="net", SUBSYSTEMS=="usb", ACTION=="add", ATTR{type}=="783", RUN+="/sbin/start-stop-daemon --start --quiet --pidfile /var/run/irattach.pid --startas /usr/sbin/irattach -- $env{INTERFACE} -s"
SUBSYSTEM=="net", SUBSYSTEMS=="usb", ACTION=="remove", KERNEL=="irda*", RUN+="/sbin/start-stop-daemon --stop --quiet --oknodo --name irattach --pidfile /var/run/irattach.pid"


Queste regole andranno messe in un file chiamato 80-irda-usb.rules e salvato in /etc/udev/rules.d.

Continua a leggere »

Rendere Emesene compatibile con Notify OSD

Tutti voi ormai saprete che Ubuntu 9.04 adotterà un nuovo sistema di notifiche come vi avevo già preannuciato qua. Il problema che si presenta adesso è che non tutte le applicazioni facenti uso delle notifiche seguono correttamente le specifiche. In particolare il server delle notifiche può supportare o meno alcune funzioni e quindi il programmatore deve assicurarsi che una data funzione è supportata o meno dal server. Un programma è appunto Emesene.

Purtroppo il plugin per le notifiche di Emesene usa la funzionalità actions delle notifiche, non più supportata da Notify OSD, per cui invece della normale notifica verrà visualizzato un antiestetico messaggio che l'utente è costretto a chiudere manualmente.

Post image

Brutto vero?

Per rendere il tutto compatibile ho modificato il plugin in modo da non usare le azioni, in pratica non sarà più possibile cliccare sulla notifica per aprire la finestra della chat, ma almeno verrà visualizzato correttamente da Notify OSD.

Post image

Molto più elegante...

Il file da scaricare è questo: LibNotifyNew.py

Dovere salvarlo, metterlo nella cartella dei plugin di Emesene nella vostra home, ovvero in ~/.config/emesene1.0/pluginsEmesene/. Dopodiché aggiornate la lista dei plugin ed infine abilitate il nuovo plugin Notify OSD (disattivate quello vecchio).

Per fare le cose fatte bene, andrebbe applicata una patch al plugin originale, per cui chi è in grado di farlo lo faccia! La patch con relativo bug la trovate qui.

CC BY-NC-SA 3.0 2004-2012 Daniele Napolitano — Per informazioni sulla licenza leggere le Note legali